allarme rosso!

Pubblicato: 4 maggio 2012 da edgeofgloria in arte e spettacoli
Tag:, , , , , , , , ,

Si supponeva che, da bionda platinata quale ormai ufficialmente sono – e dopo quello che sto per rivelare ancora di più – di tinte di capelli me ne intendessi a sufficienza. Per quanto riguarda i capelli rossi poi, mio malgrado posso ritenermi decisamente un’esperta. Sono passati gli anni e cambiate le prospettive, ma i rossi malpelo di ogni genere e specie hanno continuato a perseguitarmi, probabilmente per una sorta di maledizione dovuta a quei tre capelli arancioni (di numero) che porto in testa da quando ero piccola.

Sono certa che concorderete tutti sul fatto che il pel di carota fa quanto meno una certa fatica a passare inosservato, fosse anche solo per una mera questione cromatica, quando non ci si mette pure il gusto del vestire color blocking sfruttando il vantaggio di una chioma brillante. Se poi addirittura l’allegro ortaggio ha una faccia decisamente nota per aver recitato come coprotagonista in sette film cult – volenti o nolenti – come gli Harry Potter, è proprio impossibile non fare caso al fatto che compaia dall’inizio alla fine di un video che sta facendo il giro di internet in questo periodo. Sto parlando naturalmente di Lego House e di Ron Weasley, che sfoggia un’abilità nel play back degna di un vero cantante emergente. Eppure un vero cantante lui non lo è affatto, ma l’aver letto tutti i libri della Rowling tre anni fa, in un’impeto di adolescenza, e l’aver visto tutti i film della saga, con tanto di frastuono collegato al maggiore o minore sex appeal dei vari Daniel Radcliffe, Emma Watson, Tom Felton, Matthew Lewis o Rupert Grint (eccolo infine, il rosso!) non mi ha salvata dal cadere rovinosamente nell’inganno escogitato da Ed Sheeran.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo ammetto, la prima cosa che ho detto e che ho anche esclamato con sorpresa ed entusiasmo la prima volta che ho visto il video è stata: “Ma Ron si è messo a fare il cantante!”. Lo ammetto e sarei anche pronta a fare penitenza per il mio errore, se non fosse che, prima di tutto, non sono stata affatto l’unica a scivolare nel biondume e poi, se vogliamo essere davvero sinceri, i due scambisti di questa storia sono quasi identici. Ok, per chi si fosse ricordato il vero nome di Ron non sarebbe stato difficile capire l’equivoco “certamente voluto”, ma io e l’altra bionda non siamo grazie a Dio così fanatiche e di Rupert Grint non ricordavamo che il personaggio. Inoltre, siamo obiettivi, dal momento che la chioma dei rossi catalizza tanto l’attenzione, alla fine se non si guarda con molta attenzione tutti i red di questo mondo potrebbero sembrare uguali. Un po’ come i cinesi e i giapponesi, con i loro capelli lisci e neri, per citare un’autorità in fatto di fisionomia.

Bionde noi, ma rossi loro, concludo con una domanda, trovata tra le argute questioni di Yahoo! Answers: “Secondo voi sono veri i proverbi sui raga con i capelli rossi??”

§gloria§

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...